Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

mercoledì 30 aprile 2014

Pasta e fave (vegan).

E' mercoledì, giusto?
Sono finite le feste, abbiamo mangiato un sacco (io sì) e quindi è ora di tornare alle nostre ricette (S)Vegan.

Intanto mi sono informata sul perchè i vegani seri, non cialtroni come me, non ammettono neppure il miele nella loro alimentazione.
Pare che nelle apicolture, soprattutto quelle industriali, le api subiscano veri e propri maltrattamenti, stragi e alimentazione non adatta solo per ottenere più miele.
Comprendo che chi ha scelto l'alimentazione vegana per rispetto e salvaguardia degli animali (in Italia la maggioranza, il 31%) non abbia nessuna voglia di avere sulla coscienza le api.
E' la mia sola eccezione, il miele, l'unica.Alla colazione con pane integrale, miele, noci e zenzero non riesco a rinunciare e il miele mi piace anche nella preparazione dei dolci. Ecco, ho fatto il mio cruel coming out, le api mi detesteranno da oggi in poi.

La ricetta di oggi è con le fave, visto che è stagione e che fresche sono deliziose.
Se vi piacciono crude, unitele a un'insalata mista o mettetele in una ciotola da offrire come aperitivo.

Se le preferite cotte, questa ricetta è la variante vegan di pasta e fave.
La ricetta originale prevede che venga utilizzato il guanciale, io vi consiglio di sostituirlo con i pomodori secchi.

Pasta e Fave.

Ingredienti:

400 gr di pasta, ditali rigati - meglio (sempre) integrale.
500 gr di fave sgranate
1 lt di brodo vegetale
6/8 pomodori secchi
1 grossa cipolla
olio
pepe e sale qb

In un tegame mettete 2 cucchiai di olio e la cipolla tagliata. Fatela appassire e unite i pomodori secchi a striscioline, dopo averli ammorbiditi in acqua calda per qualche minuto.
Unite le fave sgranate e lavate, fate rosolare per un paio di minuti, quindi aggiungere 3-4 cucchiai di brodo, coprire il tegame e lasciate cuocere per 20/25 minuti.Durante la cottura aggiungere brodo, fino a cottura ultimata.
In acqua bollente, cuocere la pasta. Scolatela a metà cottura circa, tenendo da parte un po' della sua acqua.
Aggiungete la pasta alle fave e continuate a cuocere la preparazione, mescolando.
Se necessario, o se desiderate una pasta più brodosa, aggiungere l'acqua di cottura della pasta.
Quando la pasta è al dente, spegnere, aggiungere un filo di olio di oliva, una macinata di pepe (se piace), mescolate e servite ben calda.
I non vegani vorranno aggiungere parmigiano grattuggiato.
A tutti piacerà accompagnare questo piatto con del buon vino rosso.


Nessun commento:

Posta un commento

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)