Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

martedì 28 giugno 2011

Fototessera

Due ore per fare la carta di identità di Cigolino, che adesso può espatriare.
Prima coda, 20 numeri avanti a me, aria condizionata a palla e inizio di torpore da congelamento. Arriva il nostro turno e ... non vanno bene le foto, fatte alla macchinetta. Si vedeva il mio collo come sfondo. Fuori 34° e via a cercare un fotografo. Le fototessera ai bambini si fanno così: mani sotto la sua maglietta (meno male non aveva una tutina), tenuto di lato su sfondo bianco. E' venuto con la faccia interrogativa, tipo ma che razza di coccole sono queste.
ATTENZIONE: LA FOTOTESSERA DEVE ESSERE SU FONDO BIANCO E CON GLI OCCHI BEN APERTI.
Difficile da spiegare a un bimbo di 3 mesi, ma con qualche tentativo si riesce.
Rientro nel freezer del municipio, altre 10 persone davanti, altra coda. Pensare a una fila prioritaria per bebè no? O ricevere su appuntamento per le carte d'identità dei bebè?
Vabbè, è andata. Compreso innamoramento dell'impiegata comunale che continuava a fare sorrisi e che splendore questo bimbo. Appena fuori è scattata l'ora della pappa, quindi rientro in auto con Cigolino versione sirena spiegata.
Fa così caldo che la giornata per me potrebbe anche finire qui, sono già cotta.