Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

martedì 21 febbraio 2017

Ogni tanto non mi sta simpatico, evviva!

Premessa fondamentale: non sono tra le mamme che si sono innamorate a prima vista del loro pargolo.
Forse perché tremavo come un banano investito dal tifone, avvolta da una coperta termica che sembrava la carta di un cioccolatino enorme
Si sa, che vestita da cioccolatino enorme non te la senti di compiere passi importanti come innamorarsi perdutamente.
Quando ho visto Cig per la prima volta ho contato i pezzi e una volta appurato che era tutto intero ho augurato a lui e a me di andare d’accordo. Una scintilla sìma più che altro speranze ecco.
Sarà per questo amore coltivato nel poi di tutti i giorni, che ogni tanto Cig mi sta meno simpatico.
Anche cuore di mamma, grondante comprensione e amore, non ce la fa. 
A volte mi sta meno simpatico.
Quando fa i capricci, mutando la sua voce in una miagolante, che anche Gigi il gatto mi guarda preoccupato
Quando si arrabbia e va in camera sua sbattendosi la porta alle spalle. A 6 anni. Figuriamoci poi.
Quando mi dice che cucino cose schifose, ma lo stesso piatto mangiato la sera prima era risultato superbuono.
Quando ai videogiochi vince sempre lui.
Quando la sua prima risposta è no. Che è la risposta standard a ogni domanda.
Quando si sveglia prestissimo nel fine settimana.
Quando non mi saluta neanche e mi racconta dell’ultimo gioco che ha visto in edicola.
Quando mi chiede di cucinare insieme una torta e nel tempo in cui preparo gli ingredienti si dice dispiaciuto di non potermi aiutare, ma ci sono i Teen Titans in tv. E poi non mangia neanche la torta.
Quando urla all’improvviso, che mi viene un colpo.
Quando mi aspetta immobile dietro la porta chiusa e quando esco mi fa buh, che mi viene un colpo
Quando vuole sedersi in braccio a me e poi sembra tarantolato
Quando non mi ascolta e poi si arrabbia perché dice che non glielo avevo detto
Quando gli dico di mettere in ordine e mi risponde che non può fare tutto lui, insomma
A volte sì, mi sta meno simpatico. 
E sono contenta. Vuol dire che lui non è me e che tra lui e me mette la giusta distanza, quella che crea lo spazio sufficiente per diventare una persona tutta intera.
Sono contenta perché anch'io non sono lui e la distanza che metto è quella che serve per restare io una persona tutta intera e aiutarlo a crescere 😊

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)