Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

venerdì 31 ottobre 2014

"letto o tetto?" Halloween a 3 anni.

La Zucca da colorare :) 
Premessa: Halloween non mi affascina, è proprio una ricorrenza che non sono riuscita a fare mia.
Perdonerete quindi la mancanza di ricette di biscotti a forma di scheletro, di come svuotare una zucca o suggerimenti su come truccare i bambini da baby-vampiro.
Però, nel nostro piccolo festeggeremo, anzi Cig starà festeggiando più o meno adesso, che c'erano piani ben precisi per questo pomeriggio.
Ieri sera mi ha istruita sul da farsi.
"Mamma domani mi dai la maschera di spiderman, che è Halloween, ok?" che detto così sembra già parli come un avvocato di Law&Order, mentre la trasposizione letterale del tutto suona più o meno così:
"Mamma, è aulin, porto asilo macchera perriman, ok?" ma si sa che cuore di mamma capisce tutto al volo e traduce per voi.
Stamattina me ne sono ricordata io della maschera e Cig mi ha guardato quasi sorpreso, quasi avesse già imparato che mamma smemorata sono, mi ha fatto un sorrisone "Grazieeee" ha detto e mi ha stampato un bacio di yogurt sulla vestaglia.
Così siamo usciti, di corsa come sempre, lui con la maschera che non toglierà più fino a sera, e via di corsa verso l'asilo, driblando bambini delle elementari con occhiaie nere, sangue colante e cappelli da strega. Bah. Sembrava Vampires Road stamattina, non la nostra solita via tranquilla, con i suoi alberi ormai spogli e sempre gli stessi cagnolini che portano a spasso padroni in tuta.
Cig felice nel suo cappuccio ragnesco, a lanciare ragnatele immaginarie.
Chissà poi cosa sanno i bambini di Halloween, considerando che anche noi non è che siamo preparatissimi. Ma tant'è, non servono poi chissà quali informazioni per avere un giorno diverso dagli altri e giocare con maschere che a Carnevale non usiamo.
Comunque sia, è adesso che Cig starà suonando ai campanelli del palazzo, mascotte e scorta delle sue cugine più grandi e chiederanno insieme "dolcetto o scherzetto?" che detto da lui, sempre per trasposizione letterale suona più come un "letto o tetto?" e chissà se qualcuno risponde tetto cosa può succedere, sul letto sono serena che a quest'ora risponde senz'altro "Non è ancora ora di nanna, daiiii"
Mangerà un sacco di caramelle, lo so. Anche quelle che non gli piacciono, per darsi un tono, al massimo poi le sputa in mano a SantOfelia e le ritrovo in fazzoletti appicicosi, in fondo al suo zainetto.
Racconterà, se non se l'è portata dietro, che ha una bambola scheletro, che a me fa impressione e che lui coccola, manco fosse figlio di Mortisia e Gomez.
Sarà un pomeriggio, sì sì.
Aspetto i racconti di stasera.

Voi che fate?


Nessun commento:

Posta un commento

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)