Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

venerdì 25 febbraio 2011

Le contrazioni, queste sconosciute.

Ieri sera la pirosi si è fatta sentire più del solito e stanotte si è fatta così cattiva che sono stata poco bene.
Fitte di mal di pancia e nausea, una cosa tipo "non ho digerito niente" insomma. Sapevo benissimo che di quello si trattava, ma nello sconforto di quella mezz'oretta stile bimba dell'esorcista, ho pensato: e se non fosse mal di pancia, ma contrazioni? Già. Che ne so io delle contrazioni? Niente.
Il termine è piuttosto indicativo, ma a me cosa mai si è contratto per capire esattamente? Un muscolo magari, ma quello resta contratto a lungo, quindi non è paragonabile.
Leggendo qua e là, come mio solito, ho notato che difficilmente viene spiegata la contrazione in sè, si raccomanda solo di non correre all'ospedale alla prima.
Ok, allora deve essere cosa estremamente evidente e non confondibile con altro.
Le contrazioni sono avvertibili soprattutto nel basso ventre (a me faceva male lo stomaco invece, in alto) e nella schiena e zona renale, come dolori mestruali molto amplificati.
Quando si inizia ad avvertirle non è necessario sdraiarsi, anzi meglio proseguire con le piccole attività, tipo riordinare casa, fare la polenta, sistemare la valigia. Di tinteggiare il soggiorno nessuno parla, ma potrebbe essere un'idea. Io sento l'utero contrarsi, so che è il segnale che finalmente sta per arrivare il mio bambino e penso all'arrosto??!!!
Mah, non credo. Più probabile, conoscendomi, mettere musica e ballare o ancora avere una crisi di riso e panico.
Le contrazioni diventano man mano sempre più ritmiche e ravvicinate, si molla l'aspirapolvere che si stava passando per ingannare l'attesa e si va in ospedale.
Ho trovato questo articolo meno romantico ed eroico di altri, utile per rispondere a qualche curiosità.

Ma a qualcuna è capitato di confondersi?