Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

mercoledì 9 febbraio 2011

Lasciare l'ufficio (pensieri in maternità e libertà)

Ho fissato l'ultimo giorno di lavoro, che sarà il 18 febbraio.
Poi mi ritiro, aspetto Fiammiferino, metto in ordine, mi riposo (spero!), magari leggo anche un po' che mi sto trasformando in un'analfabeta di ritorno, faccio foto.
Decidere di accorciare il mese di flessibilità di un paio di settimane mi ha creato un certo tormento, che è durato almeno 10 interminabili minuti, momento in cui tutta la mia vita lavorativa mi è passata davanti agli occhi e poi si è accesa un'insegna luminosa con la scritta: Sei pronta a lasciare tutto ciò? Sì sì, ho risposto, anzi mi sto attardando troppo direi. Così sia.
Anche perchè, diciamocelo, vedere il mio portafoglio clienti svuotato mentre io sono ancora alla mia scrivania mi ha creato un moto sincero di vomito, quelle nausee che non ho avuto per via della gravidanza ci ha pensato il capo a farmele venire. Chiaro, ognuno ha le proprie strategie e agisce secondo i propri bisogni, ciò non toglie che le stesse cose puoi farle in due modi: elegante, cafone. La sua scelta è stata eloquente.
Vado, quindi. Sapendo già che al ritorno non troverò nulla e sarà ricominciare, per l'ennesima volta, da capo.Il che, alla mia età, suona sempre più faticoso.
Però, può essere che sia proprio questo il periodo in cui vincerò alla lotteria (cosa che sicuramente accadrà prima o poi, devo solo giocare), per cui rientrare non sarà necessario. Oppure, chissà, riuscirò a cambiare lavoro e allora ricominciare avrebbe tutto un altro senso. Vedremo. Tra la nascita, la mia leggendaria forza d'animo e un deus ex machina che mi verrà in soccorso, sono sicura che anche la questione lavorativa si risolverà nel migliore dei modi, per me.
Resta aperta la questione delle donne lavoratrici e la maternità, quell'essere di fatto costrette ad avere comportamenti maschili per restare a galla.
E' questione annosa, dannosa, affannosa a tratti anche disgustosa. Tutte lo sappiamo.
Ma poi cosa facciamo?

1 commento:

  1. ....continuiamo a far come se nulla fosse
    e diciamo MENO MALE LA FAMIGLIA MI DA SODDISFAZIONI CHE UN UOMO IN CARRIERA NON CONOSCE
    Io al rientro di richi sono stata demansionata
    Adesso mi gioco la carta job rotation...non voglio rientrar al mio vecchio posto ho bisogno di nuovi stimoli...come vedi non sei la sola che spera in un'ambiente di lavoro migliore baci sere

    RispondiElimina

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)