Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

giovedì 1 marzo 2018

Della neve e dei grandi sogni.

Corro sempre, ogni giorno, a volte mi sembra di non avere più fiato e il cuore è una pietra che rotola e rimbomba nel petto.
Ah, no, non faccio jogging, per niente proprio.
Lavoro tanto, vivo a Milano, la mamma h24. Insieme fanno sport estremo, per me dico, è proprio una considerazione personale.
Questo sport mi porta a superare il limite ogni giorno.
sai cosa succede quando superi i tuoi limiti? Niente, se solo più stanca, sei solo più lontana. Da te.
La lontananza sai è come il vento, spegne i fuochi piccoli e accende quelli grandi.
I piccoli fuochi li ho spenti da tempo, che se si va lontano è bene viaggiare leggeri, che poi il cuore non ce la fa.
Ma quelli grandi divampano ed è a quelli grandi che bisogna dar retta.
I fuochi sono sogni, puoi dimenticarti di quelli poco luminosi, ma non di quelli che ti illuminano dentro.
Per quanto corra e per quanto lontana vada ho bisogno di tornare alla mia luce interiore, ho bisogno di tornare a me.
Stamattina nevica. 
Stamattina ho guardato fuori dalla finestra e ho deciso che non avrei corso, non oggi.
Sono uscita prima, Cig sarebbe andato a scuola con GF, ho camminato nella neve secca e perfetta, quella che scricchiola sotto le suole e fa silenzio tutto intorno. L'aria fredda, immobile, pulita.
Ho camminato piano, anche se volevo arrivare, ma mi sono ricordata che si arriva lo stesso, anche camminando piano.
Sono entrata nel parco bianco, pochi cm di neve e cambia tutto, cambia il dove sei e, a tratti, anche il come sei. Ho scattato un paio di foto, non era quello lo scopo, alcune  cose le fotografi dentro di te e vengono meglio perchè insieme all'immagine restano anche i pensieri, fermi lì, come un colore bello, una luce che filtra e così la vedi di rado.
La neve fresca scricchiola, il cielo è silenzioso, l'aria è viva.
Non guardo l'orologio, non oggi e arrivo lo stesso, arrivo contenta alla lezione di Tai Chi delle 8, quella che avrei sempre voluto fare, ma poi come si fa che finisce alle 9 e arrivo tardissimo in ufficio. Oggi si fa, oggi ho le foto da fare, dentro di me, ho da tenere i fuochi grandi accesi, ho il cuore che è al suo posto, aperto, riposato e felice.
Non guardo l'orologio e arrivo lo stesso in ufficio, senza quella sensazione di essere già in ritardo, già di corsa ancora prima di uscire da casa.
Oggi nevica.
E' la giornata perfetta per riavvicinarsi ai fuochi grandi.