Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

lunedì 22 gennaio 2018

Le cose che non imparerò

Ci sono cose mammesche che non imparerò, lo so.
Non so trovare i pidocchi o le loro uova, per esempio.
Non so cucire e sarò sempre esclusa dai gruppi "costumiste" delle varie recite.
Non so fare torte o biscotti che siano presentabili per una raccolta fondi.
Non so fare l'animatore alle feste o scegliere musica adeguata ai bambini di 7 anni.
Non so pianificare gite, viaggi, attività ad alto valore educativo, noi si parte solo se abbiamo gli amici da andare a trovare.
Non so inventare giochi. Le storie quelle sì, tante, ma con le storie si sta fermi per lo più e l'energia, la sua, non si scarica mai.
Non so dedicarmi al 100%: a Cig, alla casa, alla coppia. Ho bisogno di almeno un 25% tutto per me, incondivisibile e inalienabile e combatto per averlo.
Non mi oriento nelle problematiche scolastiche: si mangia quello che c'è a mensa, si fanno i compiti assegnati, i maestri sono i capi supremi. Semplifico, ma non riesco a entrare di più in questi temi.
A prendere sempre e solo le parti di Cig: ha ragione se ha ragione, altrimenti non ce l'ha.
Non so sentire la febbre, ho sempre bisogno di un termometro.
Non indovino le porzioni di cibo e Cig oscilla tra indigestione e denutrizione.
Non do peso o ne do troppo.
Ascolto a metà se la storia non è bella.
Ascolto ogni giorno ciò che non dice, questo sì.