Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

lunedì 9 febbraio 2015

SuperPapà.

Ci sono molte cose in cui GF è più bravo di me.
E' più paziente, più comprensivo, ha una propensione al gioco che io no, conosce tutti i supereroi, sa prendere Cig dal verso giusto, mentre io mi impunto molto (e naturalmente non ottengo niente).
Io so che se è con lui Cig sta benone, cosa che non sempre giurerei se è con me.
Confessione di una mamma molto imperfetta: papà è meglio. Davvero.
Su una cosa poi è assolutamente invincibile: le notti.
Cig, fortunatamente, non ha mai avuto problemi di sonno.
Da sempre va dormire alla stessa ora, si addormenta in modo autonomo, vuole al massimo un paio di storie che inventiamo insieme, facendoci un sacco di risate.
A volte invece capita qualcosa di misterioso.
Fa un brutto sogno, un pensiero notturno non buono, si sveglia e non dorme più.
E' raro, ma capita.
Come stanotte.
Sveglia ore 1.
"Mamma - in lacrime - voglio venire in camera tua"
Nel lettone non è stato fermo un momento: cerca il contatto, poi mi spinge via; torna vicino, poi si rigira, poi mi abbraccia, mi spinge, sbuffa, si sveglia, si sistema, coperte sù, giù, arrotolate, acqua, coniglietto. Non è abituato a dormire con noi, ci sta tanta insofferenza.
Dopo un'oretta
"Mamma - in lacrime, ma meno - voglio tornare in camera mia"
"Adesso sei tranquillo Cig?"
"Sì" si gira sembra dormire
Un attimo dopo sento piangere, piano piano.
"Cosa c'è?" nel frattempo ho perso le pantofole, la cognizione del tempo, ho inciampato nel gatto e da piangere piano piano sta venendo un po' anche a me.
"Mi sono spaventato" dice tristissimo
"Per cosa, tesoro?"
"Il gatto"
"Ma non è in camera tua ..."
Si rimette giù e non so cosa stia pensando, cosa lo stia agitando così, ma non ha pace.
Torno a letto e svengo. Sono le 2.30, la mia sveglia suona alle 6, in questi frangenti a me sale una cosa tipo disperazione.
Solo stamattina ho saputo che GF è stato sù fino alle 4, sul divano, a vedere cartoni animati con un Cig indomito, sveglio, pimpante.
Io dormivo, io non ho sentito più niente.
Non sarò mai la mamma che sente anche il respiro, sono piuttosto la mamma che russa sodo.
So però di poterlo fare, c'è un papà supereroe che veglia su di noi.

Nessun commento:

Posta un commento

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)