Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

lunedì 16 settembre 2013

Libri ...

Ma voi, quando leggete?
Ve lo chiedo perchè magari avete qualche dritta risolutiva.
Di giorno sono in ufficio e mi pare non consono portarmi il libro e ritagliare una mezz'oretta di tanto in tanto. Cioè, secondo me chi legge fa sempre una gran bella figura, ma vai poi a spiegare al capo la questione culturale, la coltivazione dello spirito, la sete di sapere extralavorativo. Non credo, nonostante una buona dose di eloquenza, che riuscirei a convincerlo che leggere in orario di lavoro è cosa buona e giusta.
Per quanto, di recente, hanno istituito una palestrina aziendale e quindi mi chiedo perchè non concedere anche una saletta lettura.
Poi torno a casa e a quel punto faccio la mamma: quella che gioca, prepara la cena, chiacchiera, cerca, in modo peraltro infruttuoso, di mettere ordine e cose così, tutte fondamentali, ma nessuna che possa essere fatta con un libro in mano.
Messo a nanna Cigolino, che tra bagno, salti sul letto, giro di casa, saluti&baci al buio là fuori, riepilogo di tutti i parenti e congiunti che sì, davvero, anche loro stanno andando a fare la nanna, porta via una buona fetta della serata, messo a nanna lui, dicevo, cerco di ascoltare le notizie principali della giornata. Cerco un TG in replica o mi schianto su Rainews 24 giusto per avere una vaga idea dei fatti.
Se c'è poi qualcosa di interessante, non mi nego un po' di tv. Poca roba, che il divano per me è tipo la criptonite per Superman.
A quel punto io sono morta di sonno. Io alle 22 chiuderei occhi, luce, tv e pensieri per dormire in santa pace, alle zanzare piacendo.
Invece quello, proprio quello in cui gli occhi mi si chiudono, sarebbe il momento giusto per la lettura.
Quattro pagine e io sono nel mondo dei sogni: va da sè che ogni libro mi occupa per mesi.
Se poi è noioso, come quello che sto leggendo adesso, ecco che le pagine diventano due e mentre leggo controllo dove finisce il capitolo, che se è troppo in là mi tocca mollarlo a metà.
Ho provato a leggere in metropolitana, ma mi viene il mal di treno e poi, la confusione non aiuta.
A me piace leggere il pomeriggio, dopo pranzo. La parentesi perfetta, prima di affrontare le altre cose da fare. Allora sì, la lettura è magica. Capisco anche ciò che leggo ;)

Cosa state leggendo in questo periodo?
Io "I ragazzi Burgess" di Elizabeth Strout. Non mi sta piacendo. La trovo una storia abbastanza inutile. Lo stile non è male, preciso come un disegno. Un quadro di Hopper, in realtà, con uguali solitudini, incomunicabilità, esistenze fredde. Se fosse un quadro lo apprezzerei molto, come libro ...insomma.

Cosa leggere per restare svegli per più di 4 pagine?
 Ho fatto troppe domande oggi, vero? (appunto).

4 commenti:

  1. Quando ancora vivevo nella metropoli leggevo in metro: a me aiutava a sopportare l'ambiente ostile ;-), e poi un pochino la sera, se non ero troppo distrutta, o nel fine settimana. Momenti rubati alle tante priorità. Consiglio di lettura di oggi: "Open " di Andre Agassi, è una biografica e si legge come un thriller

    RispondiElimina
  2. ciao Wisi, prima di acquistare un libro leggo le prime pagine così capisco subito, dal modo in cui è scritto e da come utilizza le parole, se mi può piacere.
    Se mi prestano un libro e mi annoio alle prime pagine lo restituisco senza leggerlo!
    Il mio comodino è invaso da riviste e libri, al momento sto leggendo
    "Agnes Browne Mamma" di Brendan O'Carroll e "Guida pratica alla DietaGIFT" di Attilio Speciani e Luca Speciani.
    La sera, a seconda di come arrivo a letto, leggo qualche pagina delle riviste oppure dei libri.
    ciao e buona giornata
    Claudia

    RispondiElimina
  3. Un sacco di libri stazionano sul mio comodino per tutte le ragioni da te indicate. E ho capito che può essere il libro più bello del mondo ma se sono stanca non c'è verso. Ora stazionano Erri de luca: il giorno prima della felicità..che anzi si legge veloce. City di Alessandro Baricco alla seconda lettura. Manuale di programmazione neurolinguistica( non ho ancora capito se funziona o meno) e Niente succede per caso di cui rileggo ogni tanto qualche pagina perchè mi esalta :)...ma salto un po di qua e di la senza finirne nessuno..il sonno vince. LISBET

    RispondiElimina
  4. Mi avete consolata :) Anche il mio comodino ha la sua bella pila di libri, oltre a quelli su kindle che digitalmente attendono. VA a periodi. Chiaramente le vacanze facilitano molto.

    RispondiElimina

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)