Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

venerdì 29 marzo 2013

Virtual&Real, settimana 5: com'è andata?

Io mi giustifico subito, su tutta la linea e con un filo di vergogna.
E' stata una settimana freestyle, quelle in cui vivi un po' a caso e non riesci a riprendere il controllo degli eventi e delle tue decisioni.
Ho subito attentati dai biscotti, sono stata sedotta dalle torte (compleanno Cigolino, pranzo di Pasqua con i colleghi), ho lottatto, perdendo, con il cioccolato. Insomma, non è colpa mia. Sono gli eventi.
Però.
A parte questa armageddon di dolci, ho mangiato meno, a pranzo e cena.
Ho evitato spuntini fuori orario.
Ho ballato con Cigolino con più energia e sono andata a dormire presto (boh, non so se conta questo).
Però stamattina, salire sulla bilancia è stato un po' come salire al Golgota.
In quel passo c'erano tutti i mea culpa.
Come in un flashback mi sono passati davanti la torta di mele e il cioccolato fondente, quel pezzettino stupendo di cannolo siciliano e anche la fettina (era piccola giuro) di lasagne.
Quel passo, ero stremata.
Ho chiuso gli occhi. Immaginavo la lucina rossa nel suo antipatico segno +, quel silenzioso lampeggiare accusatorio come un dito puntato, che ti fa sentire osservata e giudicata.
Ho aperto gli occhi.
Prima ho fissato, per un secondo, il muro bianco.
Poi ho abbassato lo sguardo e .... VERDE!! Luce verde, segno -!!
Poca roba eh, ma che mi porta a metà strada del mio obiettivo -4.
Che guardandomi adesso, onestamente non basterà. No no. Mi sa che mi tocca rivedere il tutto, ma prima di sbilanciarmi (ecco, non potrebbe essere diverso il verbo) vediamo come vanno le prossime settimane.
Sempre in attesa di bel tempo per uscire, che qui ancora piove e fa freddo e la primavera forse quest'anno non arriva.
Certo adesso c'è il week end di Pasqua. Che per me non è mai questione di pranzi, ma piuttosto di cioccolato. Due giorni di estasi, la gioia proprio.
Ok. Io amo il cioccolato. Di un amore passionale e imperituro, che mi accompagna da sempre. Cioccolato fondente, nero nero, amaro, croccante, aromatico. Ci fosse la dieta del cioccolato io sarei a posto.
Passerò due giorni in beatitudine sensoriale. E i prossimi mesi a dire che accidenti, dovrei proprio riuscire a smaltire qualche kg :)
E a voi com'è andata?

1 commento:

  1. Ciao Wisi, a me è andata male ed il mea culpa non serve come le lacrime di coccodrillo....ho mangiato disordinato ed il risultato è stato un bel ritorno al VIA.....
    Con senso di colpa, ed una puntina di vergogna verso il gruppo, vi auguro buona Pasqua e prometto serio impegno x la prossima settimana.
    Ciao Claudia

    RispondiElimina

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)