Pagine

Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Così sono diventata mamma dopo i 40, tanto per fare sempre di testa mia. Come sta andando lo racconto in questo blog :)

mercoledì 27 aprile 2011

L'agenda della mamma.

In gravidanza, pensando all'agognato congedo maternità, immaginavo che avrei avuto un sacco di tempo da dedicare al mio bebè, a me e alla casa.
Delirio di onnipotenza.
Il tempo non basta mai, qualcuno mi spiega perchè?
E soprattutto, qualcuno ha un metodo organizzativo che posso copiare?
Mi sembra di essere sempre di corsa, ma è corsa sul posto, alla fine passo parecchio tempo in casa.
Eppure non mi fermo un attimo, anche postare ha bisogno di essere pianificato.
Inizio con la poppata del mattino, intorno alle 7.
Poi c'è il cambio del pannolino, le vitamine e due coccole prima di tornare in culla. Colazione-mi-lavo-mi-vesto, inizio a fare due cose due in casa ed è ora della poppata delle 10 (e cambio pannolino e due coccole).
Poi si esce un'oretta, al sole, a camminare, a sentire gli uccellini. Al ritorno riprendo le due cose due che avevo iniziato alle 9 e ne finisco una, perchè è ora della poppata delle 13 (e cambio pannolino e due coccole). Pranzo io, in un orario che varia dalle 12.30, prima di dare da mangiare a Cigolino, ma è presto, non ho fame, alle 14, ma è tardi la fame mi è passata. Finalmente il tempo di finire ciò che avevo iniziato alle 9 e far andare al lavatrice, stenderò non prima delle 22 comunque.
Un'oretta riesco a dormire, è un momento che mi piace tantissimo. Sembro biancaneve nella teca di cristallo, beata e in attesa del suo principe. Invece di un bacio mi sveglia un primo cigolio, poi un secondo, al terzo scatta tutta la sirena. E via che si allatta, intorno alle 16 e cambio pannolino e due coccole.
Da qui in poi è tutto un po' confuso, la lettura delle mail, postare, la lavastoviglie, riordinare, i gatti, uscire, la tv, pensare alla cena si accavallano e 3 ore passano in un lampo.
E' come se il Tetris fosse diventato un gioco di ruolo, lo scopo è incastrarmi correttamente tra una cosa e l'altra.
E questa sarebbe una giornata ideale, perchè non succede mai che vada davvero così e tutto resta sospeso, intorno alla fame di Cigolino.
Com'è come non è la sera sono esausta. E' tempo però del colica time, per cui scattano lunghi massaggini e coccole consolatorie. Poppata delle 23-24.
Si dorme!
Almeno fino alla poppata delle 2-3.
Eppure è il modo più bello e costruttivo di spendere le giornate. Che magia!

3 commenti:

  1. Ho già un ricordo molto vago dei primi due mesi e mezzo...non so se dipenda dal fatto che ho già rimosso o perchè mi sembrava di essere continuamente in apnea. A un certo punto ho capito solo che mi potevo organizzare quanto volevo, ma Anna buttava all'aria ogni piano, anche il più accurato. Anche io adoravo la dormitina del pomeriggio soprattutto quando ho realizzato che allattando Anna sdraiata alle 16.00 potevo dormire altri tre quarti d'ora..assolutamente fantastico!...cosi' fantastico che lo facciamo ancora oggi ed è uno dei momenti più belli della giornata, insieme alla poppata del mattino nel lettone, abbracciate e mezzo addormentate entrambe.
    LISBET

    RispondiElimina
  2. E'incredibile come si dimentichino in fretta qs.corse contro il tempo!tu vuoi fare una cosa, la inizi ma poi c'è il tuo cucciolo che chiama...vedrai che più crescerà più qs.ritmi si dilateranno e allora anche riuscire a preparare la cena, fare dieci minuti di fila al telefono con un'amica, ti sembreranno il non plus ultra!!!godi a pieno di queste corse, perchè correre, da che c'è Cigolino è naturale come respirare!baci di sole, Sere

    RispondiElimina
  3. Apnea e correre sono due parole perfette :D

    RispondiElimina

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)