Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

mercoledì 2 febbraio 2011

Filosofia spicciola e degli spiccioli

Oggi è una di quelle giornate in cui ho attaccato a chiacchierare tra me e me e non riesco a smettere.
Ho aperto gli occhi stamattina e il pensiero di andare in ufficio non mi è piaciuto, anzi mi ha disturbata.
Invece di farmi prendere subito dal cattivo umore, ho cercato di capire il motivo della sensazione.

Ho pensato alla giornata di ieri, a casa, in cui ho potuto mangiare bene e con tranquillità; fare piccole faccende domestiche che rimandavo da tempo, per eccessiva stanchezza serale; leggere!!! il manuale di fotografia che altrimenti non ho mai tempo; fare due passi, la spesa con calma, scrivere, chiacchierare con fiammiferino, riposarmi, immaginare, rilassarmi, ridere, vedermi in dimensione domestica...Che bella giornata! Allora perchè domani mattina andrò all'INPS a chiedere di poter lavorare anche l'ottavo mese? Ovvio, per avere più tempo dopo. Ma c'è la facoltativa e anche bella lunga, non è il tempo che mancherà "dopo". Perchè la facoltativa è pagata poco e sai com'è. Urka se so com'è! ma non è che si può sempre avere il soldo come unità di misura. Anzi in questo frangente mi da anche un po' fastidio ragionare in termini economici.
Allora cos'è questa ansia da prestazione-in-ufficio, cos'è questa demenza da in-casa-no?
Sta tra la sindrome di wonderwoman e quella di cenerentola. Da un lato vuoi dimostrare che fai tutto anche incinta (e magari sui tacchi), dall'altro hai il terrore di lasciare la tua scrivania e di non trovarla più o quasi e quindi vagherai in abiti di stracci su carrozza di zucca e i tuoi migliori amici saranno dei topolini. Così scherzando, ma non troppo, ironizzi su un possibile parto in sala riunioni, in un ritorno anzitempo tanto ci sono anche i fasciatoi da viaggio... MA STIAMO SCHERZANDO???!!!!
Mi sono talmente abituata al tempo che è denaro, a inseguire un risultato, a ragionare in termini di budget che mi trovo scardinata da me stessa.
Ieri è stata la giornata più "materna" di tutta la gravidanza, direi la prima in 7 mesi. Quasi mi vergogno a dirlo.
Forse è tempo di ritirarsi e prendere maggiore contatto con me e con il nostro bambino.
Al diavolo la performance, la resiliance e il networking!
O no?

1 commento:

  1. quoto quanto scritto!
    purtroppo è la società che impone che il TEMPO è DENARO e allora piiuttosto che star a casa al 30%e crescerti tuo figlio, una torna in ufficio per eccessivo senso del dovere!!!vedrai come ti cambia il modo di guardar al lavoro con fiammiferino...non che te lo scordi ma, diventa il mezzo per costruire la felicità di fiammiferino!!!baci sere

    RispondiElimina

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)