Com'è iniziata ...

Mi avevano detto che i figli bisogna averli da giovane.
Mi avevano detto che dopo i 35 è rischioso e anche faticoso.
Mi avevano detto che dopo i 40 è follia.
Quello che non dicevo io era che non avevo tutta questa intenzione di riprodurmi.
E niente, poi è andata che mi sono ritrovata a scrivere un blog per mamme, con un occhio di riguardo alle over 40.

lunedì 17 febbraio 2014

La pazienza.

Sarà una settimana tosta.
Due giorni a Roma, un paio di riunioni, un giorno a Ferrara e quel santo graal del worklife sparisce di nuovo.
Sto facendo strani sogni in questo periodo, tutti in qualche modo inerenti il cambiamento e le sue difficoltà correlate. In ogni sogno ne esco bene, ma la fatica e' tanta.
Sto certamente somatizzando pensieri e desideri, come mio solito.
Quindi o a breve implodo, o trovo la soluzione.
Dicono che il pensiero positivo sia strategico e necessario in questi frangenti, ci provo ;)
Comunque, anche trotterellare in giro ha qualche lato positivo.
Ho diverse ore di silenzio, per esempio, che è una cosa che mi ricarica molto.
Lasciare liberi i pensieri mi riposa, quel momento in cui puoi permetterti di non programmare l'azione successiva.
Mi si rinfranca la pazienza anche.
Ieri GF mi chiedeva: ma tu avresti mai immaginato di avere tutta questa pazienza un giorno?
Lo diceva mentre con voce da amorevole mamma cercavo di convincere Cig a mangiare,  eroica contro il vento a raffica dei suoi NO.
NO e' la parola che gli viene proprio bene, subito, senza neppure cercarla.
E NO e' stata anche la mia risposta, che non sarei paziente di natura, ma ho scoperto che la pazienza la coltivi, tipo il basilico, ma è più difficile.
Poi ti dimentichi quanta cura metti in questa coltivazione di pazienza. Ogni volta che lo vedi felice, in ogni abbraccio e ciao ciao con la manina, in ogni conquista e scoperta.
Però ecco, se dovessi trovare un lato duro e difficile dell'essere genitori, io direi l'avere (tanta) pazienza.
Così quando vado via e ho modo di stare un momento ferma e silenziosa, e' sulla pazienza che lavoro e mi concentro. Perché  e' tipo i sali minerali, la devi reintegrare, di tanto in tanto.
E voi cosa coltivate?

2 commenti:

  1. Pazienzissima!!! Nella gestione del no a raffica, nei 17 mesi di insonnia, nella pappa lanciata o manipolata disgustosamente, nelle risse infinite tra fratelli ( qui è più semplice sono solo una spettatrice;), nelle liti per i giochi, nella coppia dove a volte l'altro disfa in un secondo il lavoro di un giorno....
    Effettivamente tanta pazienza anch'io!!! E pensare che mi rimproverano tutti perché sono troppo impulsiva!!!
    K

    RispondiElimina
  2. Un tempo avevo la menta sul balcone, che serve per il mojito dell'ultimo minuto e non devi neppure ricordarti di innaffiarla, è un infestante. Più che il basilico ora mi cimento nell'allevamento di una di quelle piante ornamentali di cui non conosco il nome, bellissimi fiori, spruzzare, concimare, parlare perfino. A parlarci l'ho imparato da mia nonna, per lei funzionava. Io sono quella del tutto e subito, si o no. Ecco, adesso fabbrico brodo vegetale e polpette con verdure assortite nella speranza vengano scambiate per pizza. In rari casi funziona. Devo passare alla lucidatura delle foglie?
    s.

    RispondiElimina

Se hai voglia di farmi un saluto, dire qualcosa, lasciare un messaggio. Io sono contenta se passi di qua, grazie :)